La dolce “Filatelia”

admin

Ci siamo lasciati “ma siamo solo agli antipasti …”, a Bologna la kermesse filatelica ITALIAFIL 2016 ha visto la partecipazione al taglio del nastro, o meglio della torta, dedicata a Poste italiane, dell’Amministratore Delegato Francesco Caio, del sotto-segretario del Mi.S.E. Antonello Giacomelli e del timoniere della Filatelia italiana Pietro La Bruna, il faro di riferimento dei filatelisti italiani.

La Filatelia si è fatta dolce. Dolce come un romantico ricordo quando la fantasia e la curiosità erano le Muse ispiratrici dei nostri sogni. Grazie alla scommessa, guascona, tra il direttore della rivista Gusto Fil@telico, Carlo Galimberti e Pietro La Bruna il sogno si sta tramutandosi sempre di più in dolce realtà. Quale miglior occasione nel tempio ove L’ARTE SI FA PICCOLA trovare anche l’arte della degustazione d’eccellenza proposta dagli amici del Pomodoro del Piennolo di Vincenzo Iovino, in cui spiccano i pomodorini di Gustarosso e le confetture di Monte Somma, naufragare nei flutti dei vini della Giordano, tra i salumi dell’Antica Corte Pallavicina, le mozzarelle del Caseificio Cilentana, l’olio della ditta Garofalo, il tutto sotto il piglio e la maestria come un antico condottiero di ventura dello chef Alfonso Manzi. La cultura è innegabilmente il luogo dell’inevitabile incontro di chi ha gusto in filatelia con chi ama degustare l’eccellenza. Quest’anno non vi daremo freddi dati, ma la sola e pura estetica delle immagini che come i francobolli sono la comunicazione, e le immagini parlano da sole. Ma la scommessa continua, arrivederci a Milanofil 2017.

Sergio Mendikovic